L’altra Santeramo, in provincia di Caserta

Santeramo, quella in Colle. La costituzione del Comune di Santeramo avvenne il 18 marzo 1861 a seguito dell’unità d’Italia. L’aggiunta di quel “in Colle” avvenne con Regio Decreto n. 1196 del 4 gennaio 1863 applicato il 19 gennaio 1863.

E perchè specificare in Colle? Era davvero un elemento così caratterizzante da dover inserire la connotazione altimetrica nel nome ufficiale? Mica esiste un’altra Santeramo nel mondo. Ma esisteva una volta.

In Campania, esattamente nella provincia chiamata Terra di Lavoro, c’era un comune omonimo di Santeramo, proprio come per la nostra città pugliese, la cui costituzione risale esattamente al 18 marzo 1861.

Vediamo qualche informazione amministrativa. il suo Codice ISTAT era 063809 , mentre il Codice Catastale era “I331”, cioè solo una unità in più rispetto al “I330” di Santeramo in Colle.

Il 27 ottobre 1862 vi fu un cambio di denominazione con il Regio Decreto n. 903 del 12 ottobre 1862, e il comune assunse il nome formale di Sant’Erasmo (Terra di Lavoro).

3869Per via della vicinanza con altre località in zona, nel 1867 venne deciso l’accorpamento tra tre comuni nella provincia di Napoli, aggregando i comuni di Sirico, Sant’Erasmo e Saviano in base al Regio Decreto n. 3869 dell’11 agosto 1867 applicato il 26 ottobre 1867. Il nome che venne mantenuto fu Saviano, il comune più grande tra i tre.

Le tre frecce nello stemma del comune, indicano la suddetta unione.

Stemma del Comune di Saviano
Stemma del Comune di Saviano
Fonti consultate

SavianoWikipedia
Storia dei Comuni, Elesh
Raccolta ufficiale delle leggi e dei decreti del Regno d’Italia, Volume 19Stamperia Reale, Firenze, 1867, p. 1455
Storia del Comune di Santeramo in Colle, Comuni & Città

 

Precedente Come non chiedere un lavoro nel 1888 Successivo Una casa chiusa messa a soqquadro