Grandiose feste religiose

Via Iacoviello nella sera di Sant'Erasmo 2015
Via Iacoviello nella sera di Sant’Erasmo 2015

Era il 1904, con Giuseppe Giampetruzzi sindaco, ed erano passati sedici secoli dalla morte di Sant’Erasmo, che oggi sappiamo esser avvenuta nel 303 d.C.
Santeramo si preparava alla consueta festa patronale, e nella relativa comunicazione emergono un paio di elementi interessanti. Innanzitutto viene riportato che la sera del 2 giugno si svolgerà la tradizionale cavalcata, allora accompagnata con fuochi di bengala.
Inoltre tra le strade principali come Corso Municipio (l’attuale Via Roma) troviamo anche Via Iacoviello, che in questo 2015 è diventato uno degli snodi principali della festa considerata l’inagibilità di Piazza Garibaldi.

virgolette-aperte


Grandiose feste religiose

SANTERAMO 24. – Mercé l’opera del R. Don Nicola Matera, superiore dei Missionari, domenica scorsa nella Chiesa del Prezioso Sangue si festeggiò in modo solenne S. Rita da Cascia, detta la Santa degli Impossibili. Nella Chiesa madre, per cura del novello arciprete dott. Paolangelo, si sta predicando ogni sera il mese Maritano, con un grande concorso di popolo.
Nella medesima Chiesa domenica ebbe principio la novena da rito in preparazione alla Festa del XVI Centenario del 2 giugno in onore di San Erasmo, patrono e protettore principale di Santeramo.
La banda cittadina allietò la popolazione e Ia sera vi fu un bel fuoco pirotecnico al Largo Margherita.
Intanto ora fervono i preparativi per le grandiose feste centenarie che avranno principio dal 30 maggio e proseguiranno fino al 4 giugno. Oltre la banda cittadina verranno i concerti musicali di Nardò (Lecce), di Noci e di Acquaviva delle Fonti.
Le strade principali della città, come il Corso Municipio, la Piazza del Popolo, la via Iacoviello, ecc., saranno illuminate ad acetilene, mentre le altre strade saranno illuminate a lampioncini.
– Nei giorni 30, 31 maggio e 1 giugno si terrà l’annuale Fiera del bestiame, coi solito concorso.
Ogni giorno si incendieranno immense batterie e bellissimi fuochi pirotecnici.
La sera della vigilia si canteranno i Vespri in grande Orchestra nella Chiesa Matrice, che sarà, sfarzosamente addobbata. La mattina del 2 giugno celebrerà la messa solenne anche a grande orchestra.
Oltre la grande processione di S. Erasmo che incomincerà alle ore 11 antimeridiane, la sera si farà Ia tradizionale cavalcata a bengala, nonchè tre grandi fuochi pirotecnici dopo mezzanotte, col concorso a premio. Nel 3 giugno continuerà la festa come i giorni precedenti.
Grazie allo zelo della solerte deputazione, oltre un gran pranzo che si darà a 100 poveri, vi saranno giuochi e gare pubbliche, di modo che tutti i cittadini e forestieri avranno occasione di divertirsi.
Negli scorsi giorni si è pubblicato un grande programma delle feste, da cui tutti i forestieri potranno rilevare l’importanza del XVI centenario in onore di S. Erasmo.

tratto e adattato dal Corriere delle Puglie del 26/05/1904, p. 2

virgolette-chiuse

 

Per tale centenario venne anche stampata una cartolina commemorativa che potete vedere di seguito, compilata con “affettuosi saluti“.

Ricordo delle feste Centenarie
Ricordo delle feste Centenarie

Nell’edizione di questo 2015 personalmente ho trovato piacevole passeggiare lungo Via Iacoviello, Corso Tripoli, Via Roma e Via Francesco Netti, circumnavigando la piazza inagibile, e se questa organizzazione ad anello si mantenesse anche per i prossimi anni credo che ne benificerebbero sia tutte le attività dislocate in zona ma anche i partecipanti alla festa che avrebbero più spazio per apprezzare il proprio paese.

Precedente Il carro trionfale Successivo Giovanni Laricchia, da scalpellino a poeta