Società Mutuo Soccorso Francesco Netti

Tra la fine del diciottesimo e l’inizio del diciannovesimo secolo l’Italia del Sud ebbe la sua epoca di emigrazione verso le americhe. Santeramo anche lasciò che diversi compaesani lasciassero il paese in cerca di fortuna, principalmente verso gli Stati Uniti, il Brasile e l’Argentina. Dopo alcuni anni, i santermani statunitensi di New York si unirono formalmente, e il 27/11/1907 fondarono la Società di Mutuo Soccorso Francesco Netti.

Timbro della Società di Mutuo Soccorso Francesco Netti
Timbro della Società di Mutuo Soccorso Francesco Netti

L’archivio della Famiglia Netti conserva il libretto di iscrizione a tale società, ed in particolare è possibile sfogliare online quello rilasciato a Nicola Netti, avvocato nato a Santeramo e allora residente a Bari. Come si evince da pag. 51 la società fu fondata da Marco Blasio, Giuseppe Musci, Giuseppe Losacco, Giuseppe Tritto e Giovanni Tangorra. Dagli Stati Uniti ne diedero comunicazione anche in Italia, e della loro opera ne parlò anche il Corriere delle Puglie. L’allora sindaco Luigi Netti, fratello di Francesco Netti, commissionò un ritratto ad un altro pittore santermano, Bartolomeo Paradiso, che a distanza di qualche anno sarebbe andato anch’egli negli Stati Uniti e sarebbe entrato a far parte della società.
Nel timbro si può riconoscere facilmente lo stemma di Santeramo con le lettere S ed E, ovvero Sant’Erasmo.

virgolette-aperte


I Santermani in America

SANTERAMO 19. – Col più vivo compiacimento di tutta la cittadinanza santermana si è appreso che tutti i nostri concittadini emigrati e residenti in New-York si sono in questi ultimi giorni riuniti in una Società di mutuo soccorso, intitolandola dall’illustre defunto pittore Francesco Netti.
Facendo voti di prosperità alla novella associazione, lodiamo la generosa e nobile idea dei nostri operosi concittadini emigrati, i quali, curando il benessere e la previdenza della loro colonia, onorano in pari tempo il nome di un valoroso e caritatevole figlio di Santeramo.
Il cav. Luigi Netti fratello dell’illustre estinto, invierà alla nuova società, in segno di gratitudine e di riconoscenza un ritratto del suo amatissimo congiunto. ll ritratto sarà opera del nostro egregio concittadino, il pittore Bartolomeo Paradiso.

tratto e adattato da Corriere delle Puglie del 20/01/1908, p. 2

I Santermani all’estero

SANTERAMO 7. – Da lettere o giornali pervenuti da New-York rileviamo il resoconto dell’adunanza inaugurale della nuova società di mutuo soccorso fra i nostri concittadini colà residenti, intitolata al nome dell’illustre defunto pittore Francesco Netti, come vi scrissi in altra corrispondenza. L’adunanza ebbe luogo nella sala di riunione alla 112.a str. che per la circostanza era sfarzosamente addobbata, imbandierata ed illuminata a luce elettrica. Erano presenti tutti i socii e parecchi invitati. Tennero discorsi il giovane presidente sig. Giacomo Baldassarre ed il segretario di corrispondenza sig, Giovanni Tangorra, che è stato l’organizzatore ed il propugnatore della nascente società; entrambi furono molto applauditi. Con gentile pensiero l’amministrazione offrì squisiti cordiali ai socii ed invitati. Parlarono pure diversi componenti l’amministrazione e vi furono molti brindisi beneauguranti alla prosperità del sodalizio.
Oltre il presidente e segretario già nominati diamo i nomi delle altre cariche: Domenico Bitetti vice presid., Carlo Angiola segr. finanze, Francesco Palazzo vice seg. corrisp., Marco Blasio tesoriere, Vito Baldassarre, Giuseppe Tritto, Rocco Sampaolo, curatori, Erasmo Baldassarre capo del consiglio direttivo; Erasmo Saponari, Giuseppe Musci, Giuseppe Losacco, Nicola Giampetruzzi, Giuseppe Caponio, Michele Tritto fu Raffaele, Arcangelo Sciannimanico, consiglieri; sergente d’arma Vitantonio Lazzazzera, vice Giuseppe Blasio; soci: Nunzio Dicè, Luigi Lella, Luigi Musci, Giovanni Magnifico, Giuseppe Lazzazzera, Antonio Putignani, Antonio Tritto, Michele Angiola,  Pasquale Plantamura, Agostino Plantamura, Rocco Clemente, Giuseppe Ciccarone, Francesco Pontrandolfo, Michele TangorraF. Paolo Tangorra, Francesco Tritto, Nicola Del Pozzo, Francesco Musci, M. Erasmo Musci, Michele Tritto di Salvatore, Raffaele Nuzzi, Giuseppe Domenico Tritto, Michele Sciannimanico, Pasquale Colacicco, Vito Ragano, Pietro Blasio, Vito Disanto, F. Paolo Di Benedetto, Angelo Tritto, Giacomo Vitti, Raffaele Manicone, Vincenzo Lumalcuore, Erasmo Digiorgio.

Ritratto di Francesco Netti eseguito da Bartolomeo Paradiso
Ritratto di Francesco Netti eseguito da Bartolomeo Paradiso nel 1908

Apprendiamo pure che ai soci ha arrecato molta soddisfazione la notizia che il cav. Luigi Netti offrirà al sodalizio un ritratto ad olio del suo compianto fratello, e tale ritratto sarà eseguito appositamente dal nostro concittadino Bartolomeo Paradiso che con tanto entusiasmo si è dedicato alla pittura e da 6 anni risiede a Vienna. Il Paradiso è stato nel mese scorso fra noi ed ha raccolto gli elementi necessarii per eseguire il quadro. Egli si trovava in Italia da circa un mese per diversi studii che ha eseguito a Polignano, dove ha raccolto le simpatie dell’intera cittadinanza, e per manifestare la sua gratitudine ha gentilmente restaurato alcune sacre immagini che si conservano in quella Chiesa matrice. Sappiamo che il Paradiso, il quale ora e tornato per qualche tempo a Vienna, fra non molto verrà di nuovo in provincia ed in seguito si recherà per altri studii al Cairo.
A tutti questi nostri concittadini e ad altri di cui avrò occasione in seguito di parlare e che all’estero fanno onore al nostro paese vada il saluto memore ed augurale dei Santermani.

tratto e adattato da Corriere delle Puglie del 08/03/1908, p. 1

Per Francesco Netti

Apprendiamo con piacere dai giornali americani che la Società “Francesco Netti” costituita, com’è noto dai nostri comprovinciali colà residenti, ha preso l’iniziativa di erigere un busto in bronzo alla memoria del glorioso pittore pugliese.
Il merito dell’iniziativa gentile spetta al Presidente della “Francesco Netti“. il valoroso pittore Bartolomeo Paradiso, che deve tutto a se stesso e che anche nella metropoli americana,come a Vienna, ha saputo richiamare l’attenzione degli intenditori d’arte con le sue tele larghe e sicure nelle pennellate e nel disegno e robuste ed efficaci nel modellato e nel colore.
Il lavoro sarà eseguito gratuitamente da Onofrio Ruotolo, altro artista nostro conterraneo che onora il nome. italiano in terra lontana, e siamo sicuri che egli non mancherà di dare un’altra prova del suo grande talento, facendo rivivere nel bronzo la figura dell’artista gentile e squisito che si vuole onorare.
Alle spese per l’erezione del monumento faranno fronte i soci della a “Francesco Netti” e vi contribuiranno anche ammiratori tutti del compianto pittore.
L’iniziatore della sottoscrizione ha già offerto al Comitato un suo dipinto del valore di 200 dollari. il cui ricavato andrà a beneficio della sottoscrizione stessa;.
La notizia – siamo sicuri – sarà appresa con viva soddisfazione da quanti ricordano l’opera vasta, sincera e gloriosa di Francesco Netti, artista vero e gentile della Terra nostra, nonchè da quegli altri che da lontano seguono la brillante carriera artistica dei due nostri giovani conterranei.

tratto e adattato da Corriere delle Puglie del 02/07/1911, p. 5

virgolette-chiuse

 

25 anni Società Francesco Netti 2

Nel 1934 in occasione dei 25 anni dalla creazione della società, venne stampato un opuscolo. Il presidente Angelo Tangorra, altro artista santermano, scrittore e pittore, celebrò la ricorrenza domenica 04/02/1834 presso il New Terrace Garden del Bronx. Per la copertina venne utilizzato lo stesso disegno utilizzato da Angelo Tangorra per il romanzo “Gli ultimi schiavi“, mentre all’interno si vede una fotografia del dipinto realizzato da Bartolomeo Paradiso che ritrae Francesco Netti.
In questo opuscolo un testo in inglese descrive l’artista ottocentesco come:
One of the gratest painters of the neapolitan school, was born December 24th 1832 in Santeramo in Colle (Bari, Italy)”.
Un altro testo firmato da Angelo Tangorra recita:
Tagliato con l’ascia latina dal buon ceppo santermano nobile e ricco disse alla frivola vita: ti sdegno.
Sprezzò anche la toga, visse per l’arte, poesia di sua vita.
Scrisse pagine luminose, esaltò l’arte e il vero e fu esaltato dai viventi.
La patria, superba d’averlo dato alle fortune italiche ed alla storia.
Noi in questa terra ospitale, nei momenti più tristi, su l’altare dei nostri ricordi, lo consacrammo nostro patrono, simbolo della nostra patria.

Il 27 novembre 1907 egli c’ispirò coraggio, amore e fede

virgolette-aperte

Ai Concittadini della “Francesco Netti”

Siate svegli e andate sempre avanti!” Voi udiste questo monito che, dopo 25 anni, parrai d’udirlo ancora di là dai colli ameni della Murgia. Nei vostri 25 anni di vita sociale i ricordi della vostra giovinezza accumulati giocando insieme sulle vie e sulle piazze o frequentando le scuole della vostra terra nativa non sono stati mai da voi dimenticati.
In questa terra adottiva voi avete saldati i vostri vecchi vincoli d’amicizia; voi vi siete riuniti fiduciosi intorno al vessillo d’Italia e d’America ed avete mostrato ai diffidenti uno spettacolo sublime di forza, di disciplina e d’abnegazione andando sempre avanti, gloriosamente, verso la vostra civile emancipazione.
Con la vostra opera di soccorso ai vostri confratelli bisognosi, col vostro appoggio a tante nobili iniziative, così come lo deste ai colpiti nel disastro di Reggio e Messina, al Consorzio Barese contro la tubercolosi ed all’Ospedale Italiano in New York, voi vi siete resi benemeriti della vostra Patria lontana e di questa Terra che ci ospita.
Sempre avanti così, o figli di Santeramo, e possa la fiaccola del vostro amore e della vostra concordia tenervi sempre uniti in un solo ideale ed in un’anima sola.

Il vostro Presidente onorario a vita
Prof. Angelo Tangorra

virgolette-chiuse

Ringrazio Ubaldo Fraccalvieri per l’aiuto dato nel raccogliere qualche informazione riguardo questo articolo.

Fonti consultate

Società Mutuo Soccorso Francesco Netti, Tipografia Italiana Angelo Difonzo, New York,1907
Corriere delle Puglie
 del 20/01/1908, p. 2
Corriere delle Puglie
 del 08/03/1908, p. 1
Corriere delle Puglie
 del 02/07/1911, p. 5
25th Anniversary of the “Francesco Netti Society”, Souvenir journal, New York

 

Precedente Masseria del Bosco Successivo Indulgenze alla Chiesa di Sant'Erasmo