L’onomastico di Nicola Sava

Ogni occasione è buona per far festa, soprattutto se il secolo cambia. Le famiglie abbienti di Santeramo si riunirono il giorno di San Nicola, 6 dicembre, in onore del giovane di casa, Nicola Giuseppe Alfonso Pio Sava.
Abbiamo modo di scoprire come fosse l’atmosfera di festa nella Santeramo bene. Fu una serata musicale, in cui si esibirono al pianoforte e al canto le parenti dell’artista Francesco Netti, che sono definite signorine, il che mi fa pensare che siano le figlie di Luigi Netti e Matilde Catena, ma di questo non ho certezza.

Corriere delle Puglie del 09/12/1900, p. 2
Per un onomastico

Santeramo 8. (ep.) Giovedi sera in casa Sava si festeggiò l’onomastico del carissimo e simpatico Nicolino. Questa festa é stata un lieto epilogo della lieta stagione autunnale, che quest’anno a Santeramo, grazie alla cortese ospitalità delle famiglie Sava, De Laurentiis, Marchese di Santeramo e Netti, è stata brillantissima.
Molti gli intervenuti e fra le Signore notammo, oltre le padrone di casa sempre compitissime Signora Agnese Scalera e signora Maria Sava, la signora Giandomenico con la signorina, la signora Carano, la signora Colonna, la signora Tangorra Difonzo con la signorina, la signora Tangorra Samarelli con la signorina, la signorina Lancillotti, la signora Chiaramonti, le signorine Netti, la signora Patruno Netti, la signora Patroni Griffi e signorina ospiti del cav. Da Laurentlis, la signora e signorina Luchese ospiti del cav. Sava, e la signorina Scarpelli ospite del cav. Netti. Si cominciò con dell’ottima musica eseguita inappuntabilmente a pianoforte dalle signorine Netti e dalla signorina Matilde Luchese e al mandolino da Nicolino Sava. Bellissime romanze furono cantate dalla signorina Rosa Netti e da Nicolino Sava, due voci simpaticissime e molto ammirate.
Subito dopo cominciarono le danze sotto l’abile direzione di quel perfetto genti!uomo che é il cav. De Laurentiis, le quali si protrassero animatissime fino alle tre dopo mezzanotte.
Prima di mezzanotte fu servito un sontuoso buffet ordinato con assai eleganza e buon gusto. Brindò brillantemente il cav. Luigi Netti ai padroni di casa, e le sue parole furono assai efficaci ed applauditissime, tanta è la stima e l’affetto di cui a buon diritto é circondata la famiglia Sava in Santeramo.
Gli onori di casa furono resi squisitamente dalle signore e signori Sava.
E’ a sperare che anche negli anni avvenire la villeggiatura in Santeramo sia sempre brillante: vi si presta l’aria ottima e la cortesia degli abitanti, che il sentimento dell’ospitalità hanno profondo.

tratto e adattato dal Corriere delle Puglie del 09/12/1900, p. 2

Tre anni dopo Nicola Sava sposò a Corato Isabella Patroni Griffi, e chissà se questo onomastico sia stata l’occasione per farli conoscere.

Famiglia Sava - Patroni Griffi
Famiglia Sava – Patroni Griffi
Fonti consultate

Corriere delle Puglie del 09/12/1900, p. 2

Precedente Il gemello contro il padre Successivo Il Sergente Romano, tra Gioia e Santeramo