L’arrivo della famiglia Ferrulli a Santeramo

Qualche settimana fa, nel corso della lezione di genealogia presso il Centro Polivalente per Anziani, mi fu chiesto qualcosa sull’origine del cognome Ferrulli.
In quella sera parlai dell’origine dei cognomi e delle famiglie di Santeramo nell’ottocento. Il risalire all’origine di un cognome non è facile. Può capitare di risalire tra gli atti anagrafici fino a che si trova l’atto di nascita di un “trovatello”, un bambino di cui i genitori sono ignoti poichè è stato lasciato alle cure di chi si occupa di gestire la ruota dei proietti. E in questa situazione viene assegnato un cognome di fantasia. Un caso di origine di un cognome.

Se invece un cognome ha una origine medievale allora è molto difficile recuperare documenti di un’epoca così lontana. Mi son chiesto se ci sia un altro momento importante nella storia di un cognome. Ritengo che anche l’arrivo di un cognome, quindi di una famiglia, in una determinata città può essere un momento di rilievo, specie se poi la famiglia è riuscita a integrarsi nella nuova città al punto da potersi definire originaria di quel posto, almeno per quello che ne pensano i discendenti nelle generazioni a seguire, fino a perder traccia della provenienza da un’altra città.

Oggigiorno, in base ai dati di Cognomix, vi sono molte famiglie col cognome Ferrulli nel comune di Altamura, circa 130, un altro gruppo di 60 circa lo si individua ad Acquaviva delle Fonti, mentre a Santeramo sono meno di una decina. Quindi da dove arrivano i Ferrulli di Santeramo, da queste città o da altrove?

Per iniziare ho visto tramite il portale Antenati se vi fossero molte famiglie con il cognome Ferrulli a Santeramo, tra i nati di fine ottocento. Negativo: negli anni ottanta del diciannovesimo secolo la famiglia composta da Giuseppe Ferrulli e Anna Maria Chiarulli. Costei era originaria di Cassano delle Murge, città dove si sposarono nel 1877.

Giuseppe Ferrulli era un Falegname nato a Santeramo nel 1847 da Marco Vito Nicola Ferrulli, poi semplicemente chiamato Nicola, e Maria Francesca De Santis.

Quest’ultima nacque intorno al 1826 a Santeramo, città dove sposò il falegname Marco Vito Nicola Ferrulli nel 1846. Quindi abbiamo visto che la professione del falegname è stata tramandata. Ma da dove veniva lo sposo?

Marco Vito Nicola Ferrulli era nato ad Acquaviva delle Fonti intorno al 1824 da Giuseppe Vito Ferrulli e Rosa Zappimpulso, sposatisi lì il 12 febbraio 1814.

Possiamo dire che i Ferrulli sono arrivati a Santeramo poco prima del 1846, anno del matrimonio con Maria Francesca De Santis, quindi un periodo abbastanza recente. Ciò ci porta a considerar conclusa la ricerca, almeno per quel che riguarda la città di provenienza.

image_print
Precedente Lezione di Genealogia al Centro Polivalente per Anziani Successivo Vito Rocco De Bellis, l'antifascista mandato al manicomio