Via Marconi e Via Borgo Sava negli anni ’60

Da qualche tempo, girando tra ebay e i più concreti mercatini di antiquariato, ho trovato alcune cartoline postali che riguardano Santeramo, o perchè contengono fotografie del nostro paese, o perchè spedita da o verso nostri concittadini.

Qualche settimana fa nei vari gruppi Facebook riguardanti Santeramo si parlava della cartolina qui sopra ritraente Via Marconi, nei pressi della vecchia piazza coperta, oggi abbattuta e sostituita dalla nuova Piazza Papa Giovanni Paolo II e da uffici comunali.

Giusy D.V. ricorda: “Si intravedono gli alberi del Prof. Spinelli, uomo di cultura, la cui villa fu rasa al suolo per far posto ad un palazzo bruttissimo, che attualmente troneggia su Via Marconi, Via IV Novembre e Corso Italia. Poi sulla sinistra il mercato coperto, abbattuto per far posto, attualmente, ad un edificio con piazza non meglio specificata e di una squallida bellezza…

Ubaldo F. ricorda: “Alla fine degli anni 50 in Via Marconi, alla casa di mia zia Ninì ha abitato Bartolomeo Paradiso

La vecchia “Piazza Coperta” fu costruita intorno al 1954. Prima di allora diversi commercianti vendevano i loro prodotti nell’attuale Piazza Onorevole Raffaele Leone nei pressi della Chiesa di Sant’Erasmo.

In molti ricordano che negli anni ’60, di sera uno dei due macellai gridava “Jamm ca je cutt!” riferendosi al fornello con zampini e “gnumredd”. E c’erano anche due pescivendoli, uno chiamato “Napoleone”

Tommaso D. ricorda: “Abitavo in Via Borgo Sava sopra uno di quei due macellai menzionati e […] la piazza coperta l’ho vista costruire

L’immagine che segue è un’altra cartolina che possedevo da oltre un anno e che riprende il caseggiato che nella precedente cartolina si vede solo in parte.

Questo palazzo è stato costruito intorno al 1947, come anche indicato dal marchio apposto sopra il portone, con la sigla M.F., iniziali del primo proprietario di casa.

L’immagine di sopra l’ho scansionata a 600 dpi, poi elaborata con Photoshop rimuovendo qualche macchia.

E’ stata spedita da Santeramo il 26 giugno. Il timbro postale datato 27.-6.55 indica più chiaramente l’anno, 1955. L’affrancatura di color grigio indica Poste, Repubblica Italiana, su due francobolli da 5 lire.

La frase scritta dal mittente contiene anche il suo nome e cognome, che qui riporto parzialmente per questioni di privacy:

Contracambio saluti anche da me, Nunziatina

Sulla destra c’è l’indirizzo del destinatario:

Gent.mo Signor Vittorio Marches., Grand Hotel Royal, Viareggio

Fonti consultate

Sei di Santeramo se…, Gruppo Facebook, consultato il 05/06/2017
Foto storiche di Santeramo, Gruppo Facebook, consultato il 05/06/2017
Santeramo in Colle, Michele P., Album Facebook, consultato il 05/06/2017

Precedente Francesco Netti e l'altare di Sant'Anna Successivo Un commerciante di Santeramo nel 1898 e il suo ordine d'acquisto