Le carte topografiche dell’Agro Materano del 1898

Alla fine del diciannovesimo secolo a Santeramo continuava ad esser vivo l’interesse per le terre coltivabili a sud, in direzione Matera, la zona chiamata delle Matine. Nel 1898 l’agente demaniale Cesare Barberio realizzò questa interessante e dettagliata serie di tavole, realizzate su tela usando una scala 1:4000.

Si tratta di carte topografiche policrome del demanio Agro Materano, datate 1898, a firma dell’agente demaniale Cesare Barberio. Ciascuna tavola, oltre a definire i confini con precisione, evidenzia le differenze esistenti tra le diverse aree in termini di regime proprietario e destinazione d’uso. Il demanio comunale viene indicato mediante la rappresentazione schematica della vegetazione arborea, le aree a coltura sono rappresentate con tratteggio, di differente colore a seconda della proprietà privata. Gli elementi della presenza umana sono le costruzioni rurali quali pozzi, piscine, cisterne, specchie e masserie. I confini vengono individuati attraverso la toponomastica.

Tavola I, misura 155×97 cm circa

Il nord è orientato di circa 90 gradi verso sinistra. Ciascuna proprietà si distingue per un colore diverso. Si riconoscono quelle di LuparelliSimone, Sava, Colonna, Laterza e altri.

Tavola II, misura 128×98 cm circa

Il nord è orientato di circa 90 gradi verso sinistra. La maggiore estensione riguarda le proprietà della famiglia Sava, in giallo. Le proprietà Jacoviello sono in celeste. Troviamo De Laurentiis in marrone.

Tavola III, misura 111×97 cm circa

Si distinguono tre zone in diversi colori, arancio, verde e rosa. La parte più consistente indica i terreni di proprietà De Laurentiis. In verde quelli della famiglia Netti. In rosa a sud-est tre piccoli appezzamenti riconducibili alla famiglia De Luca. Sul lato nord-ovest sono indicati i confini con le altre proprietà di De Laurentiis, Jacoviello, di nuovo De Laurentiis e Jacoviello, infine De Luca.  Sul lato est la zona confina con i terreni del Marchese Caracciolo. A sud la zona confina con i terreni seminabili delle Matine.

Tavola IV, misura189x98 cm circa

I terreni in celeste, a sinistra sono del Marchese Caracciolo. Il color rosa è usato per De Luca. Verde scuro per Giandomenico e verde chiaro per Netti. Color arancio per i terreni di Raffaele Di Santo. Color grigio per Signorile.

Tavola V, misura 129×97 circa

Il nord è orientato di circa 90 gradi verso destra. Riguarda la zona di Difesa Montafungale del Marchese Caracciolo. In questo caso è usato il colore rosa per i terreni seminabili e il verde per quelli erbosi. Sulla sinistra confina con un tratto della Via Appia.

Fonti consultate

Planimetria del Demanio Agro Materano del Comune di Santeramo in Colle, Cesare Barberio, 10 gennaio 1898, Puglia Digital Library, Estratto il 21 marzo 2017

Creative Commons License

I commenti sono chiusi.