Giacomo Lassandro e Palazzo Sava

Santeramo ospita diverse chiese e nella sua storia ha ospitato vari gruppi di monaci, a partire dai benedettini che si instaurarono sul nostro ermo colle. Una delle comunità più recenti è quella dei “Monfortani“. Vediamo come sono arrivati da noi.

Palazzo Sava

-

La chiesa di Santa Maria del Rosario

-

Giacomo Lassandro, Padre Barnabita

Giuseppe Lassandro nacque a Santeramo nel 1835. Sposò Nunzia Maria Lasala, originaria di Matera. Ebbero diversi figli, tra cui Giacomo Lassandro, nato il 2 aprile 1878. Giuseppe era vicino agli ambienti ecclesiastici, ed infatti era un sagrestano.

Famiglia Lassandro – Lasala

Il figlio Giacomo seguì un percorso religioso come missionario e padre barnabita. Viaggiò molto e il 21 gennaio 1925 giunse per la prima volta in America, a bordo della nave Conte Rosso partita da Napoli e giunta a New York. Per diversi anni visse negli Stati Uniti. ma costantemente tornava in Italia, come risulta dai successivi documenti di sbarco ad Ellis Island datati 1927, 1930, 1932, 1936 e 1939.

-

I monfortani

-
-

 

-

Fonti consultate

La Gazzetta del Mezzogiorno del 04/05/2004, p. 38
La Gazzetta del Mezzogiorno del 19/12/2005, p. 55

Altre fonti

Santeramo Pompei verso il centenario di un gemellaggio spirituale, Partecipare 187, p.12-15
Sei di Santeramo se…, Gruppo Facebook

Precedente Il morbillo colpisce in treno Successivo Padre Donato Scattaglia, missionario in Madagascar