Francesco Netti, Ritratto di bambina

ritratto-di-bambinaDa diverso tempo ho tenuto d’occhio un disegno realizzato da Francesco Netti che era stato messo in vendita online sulla piattaforma d’aste eBay.
Si tratta del “Ritratto di bambina“, un disegno matita su carta leggera, dalle misure di 30×45 cm proveniente da collezione privata, che sono riuscito ad aggiudicarmi il 20 ottobre 2016.

Quale storia può avere un disegno, semplice ma realizzato nell’ottocento? Partiamo da alcune considerazioni sui materiali e sulla cornice che ho ricevuto.

Provenienza

Il disegno è realizzato su un grande foglio di carta, proveniente da un blocco a strappo, dato che il lato superiore presenta sulla sinistra un andamento irregolare.

bordo-sup-sx

Sono presenti un paio di pieghe in prossimità degli angoli, segno che il disegno non ha avuto una cornice per diverso tempo, rimanendo maneggiabile. Il foglio si è ingiallito con il tempo, con i bordi che diventano più scuri e alcune macchie di umidità. Tale umidità si presenta in maniera più evidente sul fondo della cornice che ho ricevuto. La cornice non mi sembrava dell’ottocento. Era in legno con un fondo in cartone ondulato. Tale materiale, era comunque utilizzato all’epoca, essendo stato inventato intorno al 1850, ma era comunque in condizioni pessime per cui ho deciso di far sostituire la cornice.

Cura

Riguardo al disegno in se la mia preoccupazione riguarda la conservazione. Per la nuova cornice mi sono rivolto alla Galleria Arcieri di Bari. Prima di applicare la nuova cornice ho fatto eseguire una scansione a 600 dpi del foglio in modo da preservare l’immagine in formato digitale, e poter continuare ad analizzare il disegno senza nuovamente rimuoverlo dalla sua collocazione.

Il tratto

occhioSono state usate probabilmente due matite differenti, poichè si riconoscono zone con tratti più spessi e intensi, come la parte delle pupille che sono più scure. Provando ad accentuare i colori in Photoshop questa impressione sembra venir confermata. La carta inoltre appare piuttosto liscia, a differenza di quella usata per il Ritratto di gondoliere in cui è evidente che la carta usata era di tipo ruvido.

La firma

f-nettiIn basso a sinistra è presente la firma “F Netti” che ne indica l’autore. A questo punto, non avendo ricevuto alcuna certificazione di autenticità da parte del venditore, il mio dubbio è che si possa anche trattare di un falso o un omonimo, sebbene realizzato molto anni fa, cosa sicura considerando le condizioni di deterioramento.

Precedente La mappa di Giovanni Antonio Magini del 1620 Successivo Da Santeramo al Brasile, da Ferorelli a Fiorelli