Angelo Raffaele Terlizzi e Giuseppe Cecca, caduti della Grande Guerra

Un secolo fa imperversava la Grande Guerra, poi chiamata Prima Guerra Mondiale. Anche cittadini di Santeramo vi parteciparono, versando il loro tributo di sangue su lontani campi di battaglia. Il Corriere delle Puglie descriveva le prime comunicazioni che giungevano riguardo la perdita ai rispettivi famigliari.

Corriere delle Puglie del 01/08/1915, p. 4

Cara madre ti faccio sapere…, Giulia Poli Disanto, 2005, p. 52

Cara madre ti faccio sapere…, Giulia Poli Disanto, 2005, p. 241

Corriere delle Puglie del 01/08/1915, p. 4

Santeramo ha dedicato ai suoi caduti un importante documento, al centro di Piazza Di Vagno, riconoscibile dalla statua principale amichevolmente appellata “Giuditta“. Negli scorsi anni erano state posizionate anche delle targhe riportanti i nomi dei santermani combattenti, targhe ignobilmente vandalizzate e non ancora ripristinate.

Fonti consultate

Corriere delle Puglie del 01/08/1915, p. 4
Cara madre ti faccio sapere…, Giulia Poli Disanto, 2005, p. 52, 241

Precedente L'ira della donna sedotta dal futuro marito Successivo Francesco Netti, Ritratto di gondoliere
  • Raffaele Bongallino

    In merito alla ricerca su Angelo Raffaele Terlizzi e Giuseppe Cecca: è un primo elenco di caduti che diventeranno sempre più numerosi a Santeramo e negli altri paesi del barese, come si deduce da altri articoli pubblicati dal Corriere delle Puglie. Segnalo l’articolo (di Lux) del 18-4-1923, pag. 5 sull’inaugurazione del Parco della Rimembranza a Santeramo dedicato, come in altri comuni ai “nostri gloriosi caduti”.